Editorialisti

28 Aprile 2020

Il design che non si arrende

Arianna Sorbara Ab - Abitare il bagno

Mentre chiudiamo questo numero, il decreto in vigore impone il lockdown fino al prossimo 3 maggio. Ma l’industria del mobile e dell’arredo non ci sta e non si vuole arrendere. Così, dopo il Manifesto di Federlegno, che in 8 punti spiega come far ripartire il Made in Italy, si sono mossi anche i produttori. Per la prima volta, i top manager di B&B Italia, Bisazza, Boffi, Cappellini, Cassina, Flexform, Giorgetti, Molteni Group, Poltrona Frau, si sono uniti e hanno dato vita a un Manifesto del Design, una vera e propria dichiarazione di intenti di fronte all’impatto del Coronavirus sull’economia nazionale. Il messaggio al suo interno è chiaro e inequivocabile: garantire la ripresa produttiva subito, onde evitare una perdita del 20-30% del patrimonio industriale, e ribadire che le aziende ci sono, sono pronte e vogliono ricominciare. Anche perché l’assenza dai mercati sta favorendo i concorrenti dei Paesi attualmente aperti (come Francia, Germania e Nord Europa) e riprendere le quote perse, sarà un processo lungo e difficile. Per questo lo scopo del Manifesto è quello di dare continuità a tutta la filiera: produttori, piccoli e grossi artigiani, rivenditori e negozi in Italia e all’estero. E lo sosteniamo anche noi, con le nostre testate Progetto Cucina e Ab Abitare il Bagno, perché siamo consapevoli che il perdurare di questa situazione metterà a dura prova l’intero sistema dell’arredo-design che conta 200 mila imprese, 130 mila addetti e genera un giro d’affari di 23 miliardi di euro dei quali il 60% realizzati all’estero.

 

Mentre andiamo in stampa non abbiamo aggiornamenti in merito alle riaperture, e la Lombardia sta ancora vivendo una situazione molto critica. Ci auguriamo però che questa voglia di collaborare tra aziende, a dimostrazione che il design non si vuole arrendere, rimanga anche dopo la riapertura e si concretizzi in un fare sistema insieme ai retailer partner a sostegno di tutto il comparto.

Arianna Sorbara

Arianna Sorbara Ab - Abitare il bagno

Testarda e amante delle sfide. Cancro ascendente vergine (e ho detto tutto). A sei anni sognavo di diventare pompiere o sassofonista di una jazz band. Poi, un giorno, scrivo il mio primo articolo e mi innamoro di questo mestiere.
Amo il mio cane Rudolph, le crêpes (ma rigorosamente quelle che si mangiano nel quartiere Saint-Germain-des-Prés, a Parigi), le piante grasse e gli scarponi da trekking consumati dalle tante camminate fatte tra le montagne del Trentino.
Sono in Editoriale Duesse dal 2006 e lavoro su Ab da quando era ancora solo un progetto. Del mio lavoro mi diverte il fermento quotidiano, dar fastidio alla concorrenza e scovare quelle notizie che nessuno ancora ha trovato. Ma, quello che mi affascina di più, è fermarmi a osservare le dinamiche che regolano il mercato dell’arredobagno per capire quali saranno le tendenze nel futuro.


Archivio